TESSITRICI

“Andando via. Omaggio a Grazia Deledda” vede protagoniste le donne, a partire dall’artista e dalla scrittrice che hanno ispirato il progetto. Appassionate e competenti, le tessitrici hanno sposato con entusiasmo l’idea di condividere un percorso che le ha viste lavorare insieme per un unico, grande obiettivo: la realizzazione della prima opera d’arte tessuta dalle tessitrici di Sardegna.

Gabriella Lutzu – Aggius

Gabriella
Colori vivaci, anima tessuta in geometrie dai significati più profondi. Tradizione custodita dalle rocce, nel borgo di Aggius, segnato dai telai di Maria Lai.
Se non fosse per le ultime custodi di questo piccolo paese, la tessitura dell’estremo nord Sardegna si sarebbe perduta. Magia, insieme a passione e dedizione che tengono salde e ferme le donne al telaio.

Laboratorio Tessile Prof. Cannas – Aggius

Testimonianza di una antica tradizione tessile al femminile, il Laboratorio tessile Prof. Cannas custodisce il suo sapere circondato dai monti del paese di Aggius. Dalle mani abili e operose nascono tessuti di pregiata fattura, colorati e geometrici, rari esempi di quella conoscenza preservata con cura e amore nel nord dell’Isola.

Barbara Cardia – Armungia

Da nonna Giovanna ha ricevuto i segreti della tessitura di Armungia. Barbara, erede di una tecnica speciale e antichissima chiamata su priali.

Elisa Flore – Atzara

Elisa
“Ogni volta che posso, sto al telaio”. Lo ripeti sempre, con gli occhi che brillano e la speranza che chi ti ascolta capisca il significato di questo strumento, che non è altro che la vostra casa. Casa: il vostro tutto.

Anna Deriu – Bolotana

Anna
La tessitrice che canta al telaio, sensibile e dolce. È il telaio la sua casa, la sua protezione: “lei entra dentro il telaio” che l’avvolge come una carezza. E il tempo non esiste più, come le parole da lei tessute del suo arazzo tipico di Bolotana.

Andreuccia Solinas – Bonorva

Erede umile e silenziosa di Gavina, sua Maestra nel lavoro e nella vita. Uccia parla attraverso il tessere, non perde tempo, intreccia e scrive e comunica tutta la sua passione per il telaio.

Caterina Mele – Dorgali

Negli occhi di Caterina si specchia l’anima della madre Maddalena, tessitrice di sogni.
I tappeti annodati sono risultato di pazienza, passione, amore, sacrificio: per questo sono morbidi e accoglienti. Sono pieni di bellezza.

Rita Soro e Maria Rita Vacca – Galtellì

La forza delle Rita al quadrato è la stessa che traspare dai personaggi della Galte di Canne al vento di Grazia Deledda. Lo spirito delle due tessitrici è giovane, pieno di entusiasmo e grinta. Nel loro futuro vedono l’innovazione. I loro cuori, come le loro mani, sono pronte a nuove sfide.

Dolores Ghiani – Isili

Dolores, la jana dei mille colori, la cui fantasia scorre tra le dita e tra i fili di un ordito colmo di magia. Dalle sue mani nascono tessuti dove fiabe e storie si intrecciano ed esprimono la Libertà più viva che abita in lei.

Francesca Floris – Mamoiada

Francesca
Arriva da Mamoiada, terra ancestrale dei Mamuthones e degli Issohadores, luogo di terra e pietre antiche come la grande Perda Pintà. Dalle sue mani nascono tessuti in orbace realizzati a spiga, ricordo dei pastori in transumanza, delle coperte, degli indumenti dell’abito tradizionale.

Coop. Tessile Su Trobasciu – Mogoro

Su Trobasciu, esempio di lungimiranza e resilienza. Donne sarde, portatrici di codici poetici e magici, come i colori e i disegni dell’arazzo tipico di Mogoro, tripudio di bellezza degna di regalità e magnificenza.

Laboratorio Tessile Corona – Muravera

Simona, Flaviana e Sandra
Crescere in mezzo ai telai,
viverci, condividere, diventare grandi insieme
Tessuti fatti a mano che è necessario preservare
sotto lo sguardo attento di mamma e zia
e il respiro dell’anima di un padre che
è presente nei cuori
sempre.

Giovanna Chessa e Lia Pala – Nule

Le fiamme di Nule si intravedono negli occhi accesi di passione di Giovanna e Lia, che sul loro telaio verticale con la tecnica a stuoia danno anima a creazioni la cui geometria proietta giochi ottici e geometrici che incantano.

Luigina Barracca – Oliena

Memore dell’antico tessuto in orbace, Luigina tesse, trasforma e confeziona come una jana instancabile abiti di pregiata fattura. Tra gli intrecci vi sono fili d’oro a ricordare la discendenza delle api divenute fate, la bontà del miele e i ricami del paese di Oliena, preziosi come i tesori dei re e delle regine.

Marcella Flore – Samugheo

Giovane imprenditrice ha accolto il testimone dalla mamma Giuseppina, la cui impresa, sin dagli anni Settanta del secolo scorso, si specializza nella produzione di tessuti legati fortemente alla tradizione del paese di provenienza: Samugheo. È come se Marcella sin da piccola abbia appreso, tra i giochi della sua infanzia, i segreti sussurrati al telaio e li abbia fatti suoi. Tessere è per lei vita, lavoro e professione.

Mariantonia Urru – Samugheo

Lo sguardo attento, la mano precisa, tessitrice, imprenditrice, madre. Donna premurosa, Mariantonia. Segue con amore i figli che hanno preso in mano la sua azienda. Lei vive per loro e perché l’Arte della tessitura non muoia. Prepara, forma, tramanda alle sue collaboratrici tutti i preziosi segreti appresi nei suoi tanti anni di esperienza.

Speranza Ladu – Sarule

È una vita per il telaio la sua. Il telaio: un elisir di eterna esistenza. E sembra davvero che lei e quel magico strumento abbiano fatto un intimo accordo, perché l’uno non può fare a meno dell’altra.
Speranza ha ottantacinque anni e tesse ancora. Potrebbe rimanere a casa ed è ciò che desidererebbero in molti ma, finché riesce ad alzarsi la mattina e mettersi davanti a un telaio, lei non si ferma. La sua è una dichiarazione di guerra al desiderio di resa, è un voto alla forza della donna, espressione del potere della dea madre. È un’energia ancestrale.

Stefania Meli – Siliqua

Al cospetto del castello di Acquafredda a Siliqua vive una jana sorridente. Il suo nome è Stefania, tessitrice instancabile e curiosa. Ed è proprio la curiosità ad averla portata nel mondo dei fili, che intrecciati ci introducono a un mondo dove la comunicazione si trasforma in alfabeto, messaggi da scoprire e interpretare.

Bastiana Pagliai e Rosaria Poddie – Tonara

La fierezza del viso di Bastiana e Rosaria fa delle due tessitrici di Tonara le ultime depositarie di un’antica tradizione che non vogliono abbandonare. Con forza, determinazione e spirito di perseveranza proseguono senza sosta l’arte del tessere con la speranza di poter riascoltare la musica dei telai che un tempo suonavano tra le loro mani e quelle delle amiche e colleghe nel vecchio centro pilota I.S.O.L.A.

Arianna Pintus – Tratalias

Danza come una fata dei boschi, inseguendo le janas. Con Madre Natura è in dialogo continuo, da lei prende i semi di lino, se ne prende cura. Da quei germogli nascono le fibre che fila per trasformarle in tessuto.
E Arianna sospende il tempo per tessere con le sue amiche janas.
Lavora al telaio intrecciando lana, lino e bisso, raccontando storie che cuori speciali possano accogliere.

Coop. Su Marmuri – Ulassai

Maria, Melissa, Angela, Tiziana, Maria
Cinque donne e cinquant’anni di esperienza
donne resilienti
donne imprenditrici
Artigiane, artiste, poetesse dei tessuti
Musiciste e compositrici raffinate
di creazioni musicali in forma di intrecci
eterne
preziose
infinite.

Elena Mulas – Urzulei

Resistente come la fibra di asfodelo è Elena, custode dei segreti della tessitura della jana di Su Gorroppu, dove ancora si cela e si nasconde agli occhi indiscreti degli umani.
Ma Elena la vede, la sente, perché è la prescelta: colei che porta in sé il codice genetico del patrimonio tessile, sua erede.

Annarita Cogoni – Villamassargia

Annarita
Villamassargia, terra antica di telai e tessitrici, ancora oggi si contraddistingue per la tessitura tipica detta a pibiones. Pieni e vuoti, i ritmi della tessitura, pausa e nota che si incontrano. Silenzio dell’anima e armonia densa di significati.

Artigiantessile di Davide Spiga – Villamassargia

Il laboratorio di Davide è il risultato di due generazioni che dialogano assieme: quella di mamma Anna Maria e la sua. Dal profondo senso di appartenenza della madre, Davide trae le conoscenze, le tecniche tipiche di Villamassargia coniugandole con idee moderne, contemporanee. Il laboratorio Artigiantessile è l’incontro tra passato e presente, con una visione futuristica; un viaggio nel tempo tra le trame dei tessuti.

Mariangela Cubadda – Zeddiani

Le mani di Mariangela sono i segni
della tessitrice esperta
Il suo telaio è amico
i nodi i suoi ricordi, le sue speranze
Speranza è veder ri-animarsi il suo laboratorio
luogo di fermento creativo
e sperimentazione
e sorrisi
e colleghe-amiche
alcune andate via,
tessitrici per sempre.

I testi dedicati alle tessitrici sono di Giuditta Sireus
Le foto sono state realizzate da Daniele Brotzu

SE DESIDERI AVERE INFORMAZIONI SUL PROGETTO, SULLA MOSTRA O SULLO SPETTACOLO, SCRIVICI